Altro secco ko esterno a Capannori per il volley Città di Castello

BIONATURA NOTTOLINI CAPANNORI – CO.ME.T. VOLLEY CITTA’ DI CASTELLO 3-0

(25-12, 25-15, 25-22)

BIONATURA NOTTOLINI CAPANNORI: Mutti 6, Magnelli 12, Renieri 24, Puccini 5, Roni 15, Bresciani 1, Battellino (L1) ricez. 80%. Non entrate: Mazzotta, Salvestrini, Migliorini, Giani, Ceragioli (L2). All. Sandro Becheroni e Matteo Lupetti.

CO.ME.T. VOLLEY CITTA’ DI CASTELLO: Errichiello 14, Lachi 3, Borelli 3, Gobbi, Sergiampietri 7, Cesari (L) ricez. 48%, Mancini 5, Vingaretti 1. Non entrate: Leonardi, Belotti, Nardi. All. Francesco Brighigna e Claudio Nardi.

Arbitri: Giuseppe Soffietto di Genova e Roberto Russo di Savona.

CAPANNORI: battute sbagliate 5, ace 14, muri 5, ricezione 60% (perfetta 36%), attacco 45%, errori 20.

CITTA’ DI CASTELLO: battute sbagliate 4, ace 6, muri 1, ricezione 49% (perfetta 18%), attacco 27%, errori 25.

Durata set: 20’, 23’ e 29’, per un totale di un’ora e 12’.

CAPANNORI – Nuova secca sconfitta esterna per 0-3 (e con i primi due parziali alquanto netti) per la Co.Me.T. Volley Città di Castello, che ora è precipitata in zona retrocessione. Al PalaPiaggia di Capannori, la formazione locale della Bionatura Nottolini ha dominato con autorità la scena, mettendo in fila due pesanti quanto decisivi “filotti” e subendo il ritorno delle tifernati soltanto nel terzo set, l’unico combattuto fino in fondo. La compagine di Francesco Brighigna si è improvvisamente smarrita e non ha saputo trovare il bandolo della matassa. Lo scout della partita parla chiaro: 45% in attacco delle locali (autrici anche di ben 14 ace) contro il 27% delle biancazzurre, 60% in ricezione contro il 49% e chiara superiorità anche sui contrattacchi (43% contro 23%), a dimostrazione di quanto sia stato efficace il lavoro in difesa delle toscane, nelle cui file si è distinta l’opposto Sofia Renieri con 24 punti e un 44% di realizzazione, ma anche la laterale Beatrice Roni ha fatto la voce grossa con uno score di 15 e il 50% di prolificità. Al centro, ottima Ariana Magnelli e sempre preziosa l’esperta Erica Mutti. Sul versante Co.Me.T., segnali positivi sono giunti da Caterina Errichiello, che ha messo a segno 14 punti con una media del 38% e dalla giovane Camilla Sergiampietri: 7 punti e 55% di realizzazione. Ma resta il fatto che sul piano del gioco il collettivo ha sofferto oltre misura e che mettere a terra il pallone è stata una un’impresa alquanto ardua: questo il dato più preoccupante.

Sandro Becheroni, tecnico del Capannori, schiera la diagonale Bresciani-Renieri, la coppia centrale Mutti-Magnelli, a lato Roni e Puccini e libero la Battellino. Le scelte di Francesco Brighigna sono quelle annunciate: Vingaretti in regia, Errichiello opposto, Borelli e Sergiampietri al centro, Mancini e Lachi alla banda e Cesari libero. La partenza della Co.Me.T. Città di Castello non è negativa: un 3-0 a freddo, al quale le locali replicano subito, fino a passare avanti sul 5-4; nuovo pareggio sul 7-7, ma da questo momento in poi la Bionatura Nottolini prende il via: da 10-7 il punteggio si dilata fino a 14-9 e poi ecco la prima letale striscia di 9-0 (e 10-1 complessivo), con muri, difesa e attacco che mettono ko le biancorosse, le quali sul 10-23 rompono il digiuno per poi soccombere sul 12-25. Anche la seconda frazione vede al via Città di Castello avanti, ma il 2-0 d’acchito è ribaltato da un incredibile black-out che frutta 13 punti consecutivi alle locali, comprensivi dei tre ace di file piazzati dalla Renieri. La situazione è ancora compromessa e l’unica cosa che la squadra di Brighigna riesce a fare è quella di contenere il ritardo sulle 10 lunghezze, fino al 15-25 che manda in breve tempo Capannori sul 2-0. Al contrario, il terzo set vede più toniche in avvio le padrone di casa, che operano un altro piccolo strappo sul 6-2, rintuzzato da un Città di Castello che comincia ad alzare il muro e a trovare una buona correlazione con la difesa: sul 9-9 è aggancio, con immediato vantaggio tifernate che tocca il massimo sul 14-12; la Bionatura Nottolini riprende tuttavia ben presto il comando delle operazioni e sul 20-16 sembra oramai aver messo definitivamente le mani anche su questo set, non fosse per la reazione di Errichiello e compagne, che agguantano le avversarie sul 22-22, ma i successivi errori commessi permettono a Capannori di chiudere i giochi con i tre punti che mancano. Terza sconfitta di fila (un solo punto incamerato dopo il 3-1 al Castelbellino) e le due partite casalinghe contro Trevi e Quarrata, che precedono la sosta natalizia, rivestiranno adesso un’importanza decisiva anche per l’intera stagione della Co.Me.T. Città di Castello.

Next Post

Dalla Sicilia, arriva al Città di Castello il 23enne libero Elena Ferrantello ex Modica

Il nuovo anno ha portato un altro libero nel roster della Co.Me.T. Volley Città di Castello. Dalla Sicilia è arrivata Elena Ferrantello, che affronta la sua prima esperienza oltre regione. Nata il 17 aprile 1997 a Castelvetrano, il Comune in provincia di Trapani nel quale risiede e studentessa della facoltà di Scienze Motorie, la Ferrantello è cresciuta nella New Efebo […]